Le Opere di Beppe Alzani

Dal 17 Novembre al 1 Dicembre 

Vernissage giovedì 21 Novembre dalle ore 17:00

Il tratto di strada da Schianno al Lago, percorso insieme a Giancarlo Biotti, era pieno delle parole, dei racconti, delle poesie dell’amico pittore, che comunicava al giovane Beppe Alzani, giorno per giorno, alla spicciolata, i suoi insegnamenti sull’arte, la pittura, la letteratura, la vita.

Poi i due amici si fermavano lungamente a dipingere sulle sponde dell’amato lago, en plein air. Questa è stata l’Accademia di Beppe Alzani, con un professore per lui maestro d’arte e di vita. Ma anche l’acqua gli ha insegnato molto: i colori cangianti, i riflessi, le atmosfere.

Perché l’acqua è sempre stata presente nella vita del Pittore, nato in una terra distesa tra tre fiumi: l’Adda, il Serio, il Po. Ma è stata la nostra provincia, così ricca di calme acque di laghi, ad attirarlo e a dargli stabile dimora. La vita di Beppe Alzani è stata intensa, perché i suoi amori, la musica e la pittura, li ha fortemente vissuti; e ne ha raccolto importanti risultati e successi.

Nel suo percorso musicale, ha dato vita, negli anni Settanta, a un complesso, gli “Albatros”, che tutti ricordano; nell’itinerario pittorico, dall’ammirazione per i Maestri dell’Ottocento, come Gola, Pellizza da Volpedo, Segantini, è approdato allo studio degli Impressionisti, valga per tutti l’amato Sisley, fino a Cézanne.

Certo è che la sua pittura non si è mai discostata dalla figurazione e il punto di partenza dei suoi lavori è sempre stata la visione del reale; ma la vigorosa personalità lo ha guidato a trasfigurare i paesaggi di lago o le montagne, con materici colpi di spatola, in immagini personalissime e suggestive, dove le tinte contrastanti dei primi piani giocano un contrappunto virtuoso con i mezzi toni degli sfondi.

Di temperamento sensibilissimo alle infinite variazioni di atmosfera, elabora immagini piene di luce, con limpidi cromatismi; ma anche paesaggi lacustri soffusi di luce vespertina, brumosa, di un intimismo segreto e pensoso; perché la personalità dell’Artista è densa, complessa; sempre comunque in evoluzione e foriera di nuove sorprendenti realizzazioni.

BEPPE ALZANI 

Nasce a Moscazza nel 1945. Attualmente vive e lavora a Lozza (Va).

Finiti gli studi d’obbligo, si iscrive alla scuola Civica di Musica, che abbandonerà con l’evento del nuovo stile musicale d’oltre Manica creato dai Beatles. La passione per le arti figurative, coltivata trasversalmente alla musica, lo spinge ad iscriversi ai Corsi Liberi di Pittura all’Accademia di Como, fon- data e diretta dal Prof. Raffaele De Grada.

Qui comincia a delinearsi la scelta della pittura eseguita con la tecnica della spatola, che per diversi anni aveva visto usare dall’amico scomparso Giorgio Marcon, da qui aveva preso i primi insegnamenti fondamentali per poi proseguirli con quel vigore e approfondimento che oggi contraddistingue la sua opera pittorica.

Ask for information